Settimana della mobilità dolce SIMTUR

La Settimana della Mobilità dolce SIMTUR si terrà ogni anno nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità: ­­anche l’edizione 2019, come tutte le precedenti – dal 2002 ad oggi – si svolgerà dal 16 al 22 settembre.

Chi può partecipare?

La European Mobility Week (EMW) prevede possano partecipare tutti i Comuni dei 28 Paesi UE, nonché dei Paesi candidati all’adesione all’UE e che fanno parte del processo di stabilizzazione e di associazione (SAP), Paesi dello Spazio Economico Europeo (SEE) e Paesi dell’Associazione Europea di Libero Scambio (EFTA). Solo l’autorità locale ufficiale della Città può registrarsi, impegnandosi a onorare uno o più criteri (definiti “golden criteria”):

  • Organizzare una settimana di attività;
  • Attuare almeno una nuova misura a carattere permanente;
  • Prevedere la giornata “In Città senza la mia auto

I Comuni partecipanti possono liberamente scegliere uno, due o tutti e tre i criteri, con modalità assolutamente libere e senza alcun vincolo. L’unica condizione da rispettare è che le iniziative e le attività realizzate siano coerenti con il focal theme scelto per l’edizione annuale.

Qual è il tema della EMW 2019?

Per l’edizione 2019, il tema scelto è “Camminare e pedalare in sicurezza nelle città”.

Perché un Comune dovrebbe aderire alla EMW? E perché alla “Settimana della Mobilità Dolce SIMTUR”?

I motivi per aderire alla EMW (Settimana Europea della Mobilità) sono diversi e vanno dalla migliore promozione di politiche già attive fino all’attivazione di misure permanenti e politiche a lungo termine, attraverso un maggiore coinvolgimento della cittadinanza nelle scelte di pianificazione e gestione della mobilità (come già insegnano i PUMS).

Partecipare alla Settimana, inoltre, dà la possibilità di concorrere all’assegnazione dei Premi, ulteriore fonte di diffusione e condivisione delle attività realizzate: i Premi sono due, assegnati uno per ciascun vincitore delle due categorie previste:

  • Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti.
  • Comuni con popolazione inferiore a 50.000 abitanti.

L’adesione alla Settimana SIMTUR costituisce, in aggiunta, un’importante cassa di risonanza di livello nazionale, dal momento che tutte le attività realizzate dagli Enti locali sono pubblicizzate da un ufficio stampa, pubblicate sul sito ufficiale dell’iniziativa e promosse tramite i social network.

Al circuito/calendario di iniziative SIMTUR possono partecipare anche fondazioni, associazioni, comitati, gruppi di quartiere formali e informali.

E se il Comune della mia città non partecipa?

Se formalmente l’Amministrazione non partecipa, non è possibile candidare la Città / Località a vincere un Premio, né ottenere gli altri vantaggi offerti dall’iniziativa europea. È però sempre possibile attivarsi, come associazione, ente o comitato, per realizzare iniziative di sensibilizzazione, che possono essere veicolate tramite gli strumenti di SIMTUR, assieme a decine di altre nell’ambito della “Settimana della mobilità dolce”.

Può aderire chiunque dimostri interesse per la mobilità dolce e il turismo sostenibile, essendo motivato a promuovere in modo efficace i vantaggi della sostenibilità dei trasporti: aderire significa cogliere a pieno l’opportunità di attivare o consolidare collaborazioni con i professionisti di SIMTUR e con le pubbliche amministrazioni, in coerenza e in connessione con le politiche europee di settore.

Come ci si iscrive alla Settimana Europea della Mobilità?

Per iscriversi alla EMW è sufficiente compilare il format sul sito internet www.mobilityweek.eu. La compilazione dei campi non può essere generica e deve contenere l’indicazione dettagliata delle attività da realizzare.

La richiesta d’iscrizione così compilata è valutata dal Ministero dell’Ambiente, in qualità di Coordinatore nazionale, che può, ove necessario, chiedere integrazioni o chiarimenti al soggetto richiedente.

Anche iscriversi anche alla “Settimana della mobilità dolce” SIMTUR è semplicissimo: è sufficiente compilare il modulo online, presente all’indirizzo https://tinyurl.com/EMW2019 specificando la tipologia di eventi promossi, luogo, orari e immagini descrittive.

Come si concorre per il premio ufficiale della Settimana Europea della Mobilità?

I Comuni partecipanti, oltre alla compilazione del format europeo, per concorrere all’assegnazione del Premio devono:

  • registrare le proprie iniziative;
  • sottoscrivere la “Carta della Settimana Europea della Mobilità” e soddisfare tutti e tre i golden criteria, ovvero organizzare una settimana di attività, attuare almeno una nuova misura permanente e prevedere, preferibilmente per il 22 settembre, la giornata “In Città senza la mia auto”;
  • rispettare le scadenze previste e compilare il modulo di candidatura in inglese.

La “Carta della Settimana della Mobilità” deve essere firmata dal Sindaco o da altro funzionario competente per materia e deve essere inviata all’European Secretariat: info@eurocities.eu

Che tipo di attività possono essere organizzate?

I Comuni aderenti alla EMW possono organizzare qualsiasi attività ritenuta utile al fine di conseguire un cambiamento delle abitudini di mobilità dei cittadini: l’unica condizione è che tutte le iniziative siano in linea con il focal theme scelto e che siano dirette a promuovere la mobilità sostenibile.

Per la “Settimana della mobilità dolce” SIMTUR possono essere realizzate iniziative specifiche nelle scuole, passeggiate e cicloescursioni con percorsi misti (urbani e paesaggistici), laboratori di mappatura, momenti di promozione del trasporto pubblico, del trasporto elettrico, dei treni e degli altri mezzi collettivi, attività di intrattenimento e informazione per le famiglie (musica, esibizioni sportive, animazione, ecc.), ma anche conferenze, seminari e incontri, cui è possibile invitare esperti SIMTUR.

Che tipo di misure permanenti possono essere lanciate?

Esempi di misure permanenti sono:

  • Creazione o ampliamento di aree pedonali;
  • Miglioramento della rete di piste ciclabili;
  • Lancio dei servizi di car-pooling e car-sharing;
  • Restrizioni di accesso permanente ai centri storici o ad aree individuate;
  • Sviluppo di servizi di trasporto accessibili per tutti;
  • Adozione di servizi di trasporto casa-lavoro e casa-scuola;
  • Creazione di centri di mobilità e servizi di informazione on-line;
  • Riduzione dei limiti di velocità in prossimità di centri sensibili come scuole e centri ricreativi;
  • Istituzione di servizi pedibus;
  • Introduzione di nuove flotte di autobus ecologici

Nell’organizzazione delle attività ci si può avvalere di soggetti esterni?

Si, la collaborazione con altri soggetti operanti sul territorio può risultare determinante per la buona riuscita delle Settimana Europea della Mobilità: è stato possibile verificare che nei casi di maggior successo delle iniziative attivate c’è stato un partenariato con enti ed associazioni guidato dalle autorità locali.

Ai soggetti esterni, così come ai Comuni, SIMTUR indirizza una specifica assistenza tecnica gratuita, volta ad aderire al focal theme, a migliorare le performance, ad acquisire maggiore visibilità e partecipazione.

Quanto tempo occorre per organizzare la Settimana?

Il tempo occorrente varia in base al tipo di attività previste. Tuttavia, si consiglia di organizzarsi con un congruo anticipo considerando la pausa estiva. Questo consentirà una più efficace comunicazione delle iniziative che saranno poste in essere, oltre ad assicurarsi che ci sia un alto livello di partecipazione dei cittadini.

Anche per l’organizzazione di eventi, SIMTUR si conferma a disposizione dei territori e delle autorità locali. Dopo aver preso contatto (mobility.euroweek@gmail.com) potrà essere utilizzata la bozza di delibera presente all’indirizzo: https://www.simtur.it/bozzadelibera_settimanasimtur2019.pdf

Ci sono materiali a disposizione per una migliore organizzazione e promozione dell’iniziativa?

Una vasta gamma di materiali liberamente utilizzabili, come manifesti e loghi, sono disponibili in download dal sito web ufficiale della manifestazione.

Le iniziative coordinate con l’assistenza tecnica di SIMTUR si avvalgono inoltre di una visibilità nazionale, garantita da uno specifico piano di comunicazione, online e offline.

Come si può ottenere un’ampia copertura da parte della stampa locale?

È opportuno informare e coinvolgere la stampa locale fin dalle prime fasi di pianificazione delle attività che si intende realizzare durante la Settimana, evidenziando i vantaggi della campagna e come l’evento si inserisce nei piani a lungo termine di gestione della mobilità e nella strategia dei trasporti.

L’Ufficio stampa nazionale di SIMTUR rimane a disposizione delle iniziative che decidono di avvalersi della assistenza tecnica.

Cosa si può fare per coinvolgere un maggior numero di cittadini?

Diffondere la manifestazione con anticipo attraverso i media, i social network, la comunicazione durante eventi pubblici e in luoghi strategici della città, come piazze e vie centrali, pubblicizzando adeguatamente le iniziative ed evidenziando i vantaggi collettivi ed individuali che deriverebbero da un miglioramento della mobilità urbana.

Un ulteriore strumento è la raccolta firme per la Carta Internazionale del Camminare, promossa dal Network globale WALK21 (www.walk21.com), che in Italia vede impegnata SIMTUR e un ampio partenariato di enti, associazioni, pro loco e cittadini.

E dopo aver realizzato la Settimana di eventi, cosa posso fare?

SIMTUR partecipa all’organizzazione del Meeting “All Routes lead to Rome”, dedicato alla mobilità dolce: una straordinaria occasione, dall’1 al 17 novembre, per partecipare a conferenze, seminari, workshop, ma anche escursioni, pedalate, passeggiate letterarie, attività di trekking urbano, laboratori di mappatura e – naturalmente – per scambiare buone prassi ed esperienze di sostenibilità.

+INFO: www.routes2rome.it

Nel 2020 torneremo a marzo con il Mese della mobilità dolce Co.Mo.Do, con la Giornata nazionale delle Ferrovie dimenticate e con la riapertura del bando per il Premio nazionale Go Slow.

Leave a Comment