Mobilità dolce

Torna la Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate

Domenica 3 marzo 2019 si rinnova una rassegna unica in Italia, capace di trasformare lo Stivale in un straordinario viaggio itinerante nei luoghi più evocativi del patrimonio ferroviario dismesso. Per far conoscere i tracciati non più attivi, alcuni da trasformare in vie ciclopedonali, altri da sviluppare come linee di turismo ferroviario.

La Cooperazione Mobilità Dolce (Co.Mo.Do.) con il suo rituale patto di comunità rilancia per la dodicesima edizione il messaggio che le “Ferrovie dimenticate” non vivono di soli ricordi. Affinché il passato incontri il futuro è necessario riscoprire e celebrare, a livello locale, il patrimonio ferroviario nella ricchezza della sua diversità, scoprendo attraverso di esso una cultura e una storia italiana comune e connessa. Come nelle edizioni precedenti saranno previste molte decine di eventi in mobilità dolce in tutte le regioni italiane.

Degli oltre 6.000 km di linee ferroviarie dismesse a partire dal dopoguerra, almeno un migliaio sarebbero subito ripristinabili con investimenti contenuti, specie laddove il sedime è intatto. Come ad esempio i 700 km di linee piemontesi sospese nel 2012 e per le quali ora si percepisce qualche segnale di ripensamento. In certi casi le potenzialità del traffico locale potrebbero giustificare il ripristino di un servizio ordinario. Ci sono invece altre linee, abbandonate ormai da decenni, che sono già state in tutto o in parte trasformate in vie verdi, come le belle greenways sulla Spoleto-Norcia e della Costa dei Trabocchi, o stanno per diventarlo, come la Assoro-Leonforte e la Porto San Giorgio-Fermo-Amandola.

Un altro modo per salvaguardare opere di architettura e ingegneria ferroviaria (ponti, viadotti, stazioni e gallerie) a favore degli escursionisti, e quale forma di tutela, nel caso in futuro potessero maturare le condizioni per ripristinare l’esercizio ferroviario, puntando ad una gestione turistica ciclopedonale o con il velorail, tenuto conto dell’immenso fascino dei paesaggi culturali attraversati.

Domenica 3 marzo, Co.Mo.Do. farà riscoprire quanto può il paesaggio legare gli italiani, cosa si può imparare e da cosa farsi sorprendere.
Come si può contribuire a valorizzare, fare evolvere, preservare questa immensa ricchezza scomparsa? In questa 12a edizione si rinnoverà la festa per incentivare la riconversione in percorsi ciclopedonali dei chilometri ferroviari smantellati, per valorizzare le tratte minori situate in aree marginali, eppure indispensabili alla mobilità locale.
Il ricco calendario di eventi permetterà ai visitatori di scoprire le bellezze naturalistiche lungo queste linee ferroviarie. Ma non solo. La Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate è l’highlight dell’annuale Mese della Mobilità Dolce di Co.Mo.do. (da domenica 3 marzo a domenica 7 aprile 2019) per incoraggiare tutti a scoprire e lasciarsi coinvolgere dal turismo outdoor e dalla mobilità dolce. Per realizzare questo obiettivo si vuole raggiungere un pubblico più ampio possibile, in particolare bambini e giovani, le comunità locali e coloro che di rado riescono a entrare in contatto con la natura, per promuovere un comune senso di responsabilità volto a condividere e raccontare come l’andare adagio incontro alla bellezza sia un mezzo per unire l’Italia, dal Piemonte alla Sicilia.

Nell’Anno del Turismo Lento 2019, che si pone l’obiettivo di valorizzare quei luoghi italiani forse ancora poco conosciuti dal viaggiatore straniero, saranno rilanciati in chiave sostenibile esperienze di viaggio particolari e interstiziali lungo borghi e cammini francescani, lauretani e benedettini, sulla via Appia, sulla Francigena, sulla Via degli Dei, sul Sentiero Durer, sulla Via Romea, lungo ciclovie e ippovie.


Come si può partecipare?

Gli organizzatori potranno iscrivere nel portale www.mobilitadolce.org il proprio evento tramite l’apposita form. Chi vuole partecipare a uno degli eventi potrà controllare sul sito l’aggiornamento continuo delle manifestazioni organizzate nella propria regione, nonché seguire i canali social di Co.Mo.Do. utilizzando gli hashtag #ferroviedimenticate e #iamcomodo per condividere storie, video e immagini.

Per foto, contributi video e interviste
Contattare l’ufficio stampa all’indirizzo press@officinekairos.it oppure al numero 039 877935 (solo dal lunedì al giovedì dalle 10.00 alle 16.00).

 

Co.mo.do. intervista Federico Massimo Ceschin

Tutto pronto per la terza edizione di All Routes lead to Rome, a Roma dal 16 al 25 novembre, anche evento ufficiale dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. Co.Mo.Do. è fra gli Enti patrocinatori. Conversiamo con il prof. Federico Massimo Ceschin, Segretario Generale di “Cammini d’Europa”, ente ideatore e organizzatore.

(altro…)

Intervista radiofonica a Federico Massimo Ceschin

In occasione della seconda edizione di All Routes lead to Rome, RadioBlu intervista il coordinatore, Federico Massimo Ceschin, per cogliere gli orizzonti e le prospettive dell’evento dedicato alla Mobilità dolce e sostenibile che riunisce oltre 50 itinerari in una Board nazionale. (altro…)

Le 17 migliori ferrovie abbandonate d’Italia

Due secoli fa, in tutta Italia, furono costruiti chilometri e chilometri di linee ferroviarie. Furono solcate colline, bucate montagne, tagliate intere pianure per realizzarle, nel nome delle infrastrutture indispensabili per lo sviluppo. Un gran numero di quelle linee non furono mai percorse da alcun treno, mentre altre furono attive per un periodo di tempo limitato e altre ancora sono state completamente abbandonate. L’intero Paese è stato segnato profondamente da un reticolo ferroviario, che oggi può diventare una straordinaria opportunità per realizzare itinerari turistici e piste ciclabili.

(altro…)

Simone Bozzato: un libro bianco degli Itinerari

Pubblicato da ExOrma Edizioni, il volume “Del viaggio lento e della mobilità sostenibile” è un vero e proprio “libro bianco” degli Itinerari: un manuale a disposizione di chi – ente o associazione – intende realizzare un itinerario di mobilità lenta come veicolo per restituire al viaggio la sua dimensione più autentica, favorendo lo sviluppo di un turismo sostenibile, in sintonia con i luoghi e con le comunità locali.
Per saperne di più, abbiamo chiesto un contributo al prof. Simone Bozzato, geografo, docente dell’Università Tor Vergata, che ha redatto il volume insieme agli autori Gaia Ferrara e Federico Massimo Ceschin.

(altro…)